Miami Beach: turismo, storia, caratteristiche

Miami Beach è una città degli Stati Uniti d’America nello stato della Florida, il suo nome completo è anche City of Miami Beach, da non confondere con la semplice Miami a cui si deve dedicare una guida a parte.

La storia di questa città a livello municipale inizi il 26 marzo 1915, considerando però la storia degli Stati Uniti d’America e che comunque siamo in un territorio caratterizzato dalla presenza di tante culture, migrazioni, natura, potremmo far partire il nostro racconto da secoli prima.

Il 1915 è l’anno ufficiale della dichiarazione di municipalità, con il suo mare, le sue spiagge, i suoi centri commerciali è scelta non solo per il turismo ma anche per girare film, serie tv, fiction e documentari.

È anche città di sfondo di una slot machine, reperibile su operatori affidabili disponibili in Rete come Jack Million Casino, il titolo è: Miami Beach prodotta da Realtime Gaming, provider specializzato nella creazione e distribuzione di giochi da casinò online.

Miami Beach vicino agli oceani

Miami Beach è una località balneare importante negli Stati Uniti d’America, la presenza dell’Ocecano la rendono meta apprezzatissima anche per il turismo subacqueo.

Il suo territorio si compone di isole naturali e artificiali tra l’Oceano Atlantico e la Baya di Biscayne, il pezzo di terra longilineo è separato da Miami e dalle città confinante, dei piccoli collegamenti rendono unita questa città al continente.

Superando Nautius, Normand Island, Maule Lake si arriva ad Hollywood, prima di Biscayne c’è Kendall.

Il clima di Miami Beach è di tipo tropicale, non fa mai troppo freddo, le estati sono calde e umide, gli inverni asciutti, i turisti possono venire da novembre ad aprile, in estate la temperature superficiale parte dai 30 gradi.

Un clima sempre caldo, uragani e la prima House of Refuge

A Miami Beach non si sono mai registrate nevicate, elemento importante da analizzare nei prossimi anni visto il cambiamento climatico in corso, e anche il numero di temporali è limitato rispetto ad altre zone.

Purtroppo, con la vicinanza del Golfo del Messico non è risparmiata da cicloni e Uragani, infatti è stata raggiunta da Katrina nel 2005, Wilma e anche altri degli anni precedenti.

Parlavamo della sua storia, più antica del 1915, la prima struttura cstruita importante è del 1876, Biscayne House of Refuge. Le case rifugio per le vittime di naufragi caratterizzano questo lembo di terra della costa statunitense, una storia sicuramente da approfondire con visite e ricerche in loco. Quindi andiamo a vedere adesso i suoi monumenti e lugohi di interessi.

L’attualità di Miami Beach, raccontata anche dai film oltre che dai giornali

L’attacco a Peal Harbor fece diventare MB zona per costruire basi per truppe e per addestramento. Dopo la guerra molti soldati si insediarono e costruirono le loro famiglie lì. Oltre alla memoria della guerra ci sono problemi da affrontare come la presenza di trafficanti di droga, Scarface e la serie televisiva Miami Vice si basano su questo problem. C’è poi la moda, la crescita immobiliare, un processo di gentrificazione dell’area continua, come tante zone di mare, spiagge e aree naturali sono da proteggere dall’eccessiva cementificazione.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Casino online: ecco cosa è cambiato in questi anni

Sab Lug 22 , 2017
Prima della Pandemia le persone passavano già molto tempo nel web e con i social network hanno imparato a connettersi ad attività di turismo, musica, divertimenti. Possiamo dire che abbiamo vissuto una trasformazione molto veloce in questi dieci anni trasformandoci prima che nel lavoro in utenti smart, con internet sul […]