iPhone SE 2 nel 2020, il ritorno del “compatto” di Apple

Produzione al via già a gennaio, probabile arrivo sul mercato a marzo: Apple si prepara a lanciare la seconda generazione di iPhone SE, il compatto che nel 2016 stupì la stessa azienda californiana per il clamoroso successo ottenuto. Diciamolo subito, non è certo che sarà proprio iPhone SE 2 il nome del device in arrivo, ma non ci sono particolari dubbi sulla sua natura di entry-level (almeno per gli standard di Cupertino…) e su un design che riuscirà di certo a catturare una consistente nicchia.

Quando arriverà iPhone SE 2?

Il nuovo iPhone “economico”, se così si può definire, dovrebbe arrivare quindi attorno al mese di marzo 2020. Non una scelta sorprendente in assoluto, considerato che iPhone SE fu presentato il 21 marzo 2016 con disponibilità effettiva nei negozi già 10 giorni dopo, il 31 marzo. Esattamente un anno dopo, nel marzo del 2017, lo stesso smartphone fu lanciato con nuovi tagli di memoria, dando un’ultima spinta alle vendite che superarono le 30 milioni di unità totali in tutto il mondo. 

Insomma, dovesse essere confermata l’indiscrezione di Ming-Chi Kuo, analista di TF Securities e la fonte d’informazioni più affidabile per quanto riguarda il mondo Apple, Apple darebbe un chiaro segnale che il suo prossimo iPhone entry-level sarà l’erede di iPhone SE, sebbene le differenze saranno ovviamente tante, sia dal punto di vista del design che da quello dell’hardware. 

Come sarà iPhone SE 2?

Andiamole a vedere, quindi, queste differenze, basandoci su tutta una serie di rumors che ci hanno accompagnato da fine estate ad oggi. Il melafonino sarà un compatto non al livello del predecessore, che aveva una diagonale da 4 pollici, ma comunque tenendo presente le tendenze del momento con display giganteschi. Il nuovo iPhone SE 2 si dovrebbe limitare ad uno schermo da 4.7″ (probabilmente un LCD che sarà fornito da LG), tenendo presente che dal punto di vista estetico riprenderà quanto visto due anni fa con iPhone 8. 

Rispetto a quest’ultimo, ormai datato dal punto di vista della scheda tecnica, presenterà un hardware al passo coi tempi e, soprattutto, paragonabile in molti aspetti a quello vantato dai recenti iPhone 11. Si parla con insistenza, ad esempio, della presenza a bordo del processore Apple A13 Bionic (quello utilizzato proprio dall’ultima generazione di melafonini) che sarà accompagnato da 3 GB di memoria RAM (1 GB in meno rispetto ad iPhone 11) di tipo LPDDR4X e due possibili tagli di storage interno, 64 o 128 GB. Insomma, sarà una buona scelta anche per gli appassionati di gaming e di tutti i casino online legali dove sono presenti tanti giochi che richiedono un’ottima resa grafica e un processore al top. Non sono gli unici dettagli della scheda tecnica emersi fino ad oggi: si è parlato anche delle possibili colorazioni, argento, grigio siderale e (product) RED, mentre non sarà presente il 3D Touch. Non si tratta di una grossa sorpresa, visto che già su iPhone 11 è presente un Haptic Touch che non tiene in considerazione la pressione del tocco. Si utilizzerà invece un tasto home fisico con Touch ID integrato.

Cosa si aspetta Apple dalle vendite di iPhone SE 2?

Le aspettative, diciamolo subito, sono altissime. Negli anni i fan della mela hanno richiesto a gran voce la seconda generazione di iPhone SE 2 e, più in generale, i prezzi leggermente più bassi degli ultimi iPhone sono stati di certo la ragione principale di un buon successo di vendite fino ad oggi.

Proprio Ming-Chi Kuo un paio di mesi fa parlava di previsioni pari a 30 milioni di unità vendute nel 2020: questa settimana, però, l’analista ha rivisto al ribasso le stime, parlando comunque di un traguardo di 20 milioni di vendite ampiamente alla portata e facilmente raggiungibile. Quota 30 milioni potrà essere toccata grazie a “condizioni favorevoli”.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *