Come e dove vendere un gioiello firmato al miglior prezzo?

vendere-gioiello-firmato

Ognuno di noi possiede qualche gioiello firmato a cui è particolarmente affezionato. Un ricordo di famiglia o un anello regalato da una persona speciale, i gioielli rappresentano sicuramente un grande valore affettivo.
Ma c’è da dire che questo tipo di gioielli può rappresentare anche un grande valore economico e, quindi, un’occasione di guadagno.

Negli ultimi anni è aumentato il numero di chi decide di vendere i propri gioielli e ricavarne un profitto. Infatti la vendita di gioielli – soprattutto se caratterizzati da una firma di una maison importante e altre caratteristiche particolari – può essere un ottimo modo per avere un notevole introito in poco tempo e senza grandi sforzi.

Cosa fare per vendere un gioiello firmato

Per vendere un gioiello firmato è però necessario avere chiaro il valore di quest’ultimo ed è dunque fondamentale considerare una serie di caratteristiche.
Affidarsi a professionisti per valutare il gioiello, inoltre, è una scelta saggia. Sono sempre più diffusi, ad esempio, i Compro Oro che offrono la possibilità di valutare attentamente i propri gioielli, tenendo conto di tutte le proprietà in base alle quali stabilire il prezzo di vendita del gioiello, che non dipende solo dal prezzo dell’oro al grammo.

Tuttavia, può capitare che alcuni Compro Oro si occupino esclusivamente di oro semplice che sarà poi destinato alla fusione, ed è dunque possibile incorrere in commercianti che valutano i propri gioielli come l’oro da squaglio, considerando solo la quantità di oro presente nel gioiello e tralasciando, invece, le pietre preziose o la firma.

In particolare, in questi ultimi casi, il commerciante valuta la caratura e il peso del gioiello, informando il cliente sul valore dell’oro corrente in borsa (stabilito giornalmente alla borsa di Londra) e poi, in base al peso, viene applicata la commissione e, una volta moltiplicata per i grammi del gioiello, si passa alla vendita.

Questa pratica è utilizzata erroneamente da molti Compro Oro anche per i gioielli firmati, poiché considerano tali oggetti come oro da fondere. Le pietre preziose e la firma del brand, però, costituiscono un importante fattore da tenere in considerazione, e tralasciarle implica un notevole calo del prezzo di vendita che considererebbe solo il prezzo dell’oro al grammo. Il Compro Oro OroLive si è proprio specializzato sulla valutazione dei gioielli firmati per la vendita.

Come valutare i propri gioielli

Analizziamo come si possono valutare i propri gioielli, prendendo in considerazione ogni singola caratteristica necessaria a stabilirne il prezzo. Si considerano tre fattori molto importanti come il grado di rivendibilità dell’oggetto, la firma del marchio della maison e il rapporto materiali-prezzo.

  • La rivendibilità

Per valutare i propri gioielli bisogna seguire una serie di regole necessarie, ma molto dipende anche dal tipo di gioiello. Innanzitutto bisogna considerare la rivendibilità dell’oggetto che si intende vendere, ovvero la probabilità di essere interessante sul mercato. In altre parole, per possedere un buon valore, il gioiello deve avere la possibilità di essere rivenduto.
Il commerciante, in questo caso, valuterà tutte le caratteristiche che gli assicureranno di poter rivendere il gioiello a un prezzo più alto dell’acquisto.

  • La firma

Un altro fattore fondamentale da considerare nella vendita di un gioiello è indubbiamente la firma del gioiello, che rappresenta un valore aggiunto importante. Tra due modelli con caratteristiche molto simili, verrà sempre valutato di più quello firmato. È, quindi, importante sapere che il valore intrinseco del gioiello (pietre preziose contenute, peso, oro, ecc.) è accompagnato anche dal valore estrinseco, rappresentato appunto dalla firma della maison produttrice.

Tuttavia bisogna comunque specificare che anche i gioielli non firmati possono essere venduti ad un prezzo alto.
Se, inoltre, il gioiello, pur essendo di alta qualità, è un po’ datato, in questo caso la firma, per quanto importante essa sia, non è sufficiente a rendere il prodotto rivendibile, per cui il commerciante potrebbe decidere di non acquistarlo o di acquistarlo ad un prezzo molto basso.

  • Il rapporto materiale-prezzo

Il terzo fattore da tenere in considerazione è il rapporto materiali-prezzo. Talvolta, pur avendo un valore di listino molto alto, è possibile che il gioiello firmato abbia un valore di materiali basso. In questi casi, può essere proprio la firma a fare la differenza.
Inoltre è importante sottolineare che può essere molto complicato vendere oggetti molto costosi, soprattutto nel caso in cui si intendano venderli allo stesso prezzo di acquisto.

È fondamentale, quindi, valutare la rivendibilità dell’oggetto, la firma del marchio della maison e anche il rapporto tra materiali e prezzo.
Tuttavia, quelle elencate sono solo alcune delle caratteristiche importanti da valutare. Vanno tenuti in considerazione, infatti, altri fattori come la pesatura dell’oggetto, da effettuare rigorosamente con una bilancia di precisione, ovvero uno strumento particolarmente adatto a pesare oggetti molto piccoli.
La scelta migliore per avere una valutazione chiara è comunque sempre quella di rivolgersi a una persona competente che possa aiutare ad ottenere il massimo profitto nella vendita.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

iPhone SE 2 nel 2020, il ritorno del "compatto" di Apple

Dom Nov 10 , 2019
Produzione al via già a gennaio, probabile arrivo sul mercato a marzo: Apple si prepara a lanciare la seconda generazione di iPhone SE, il compatto che nel 2016 stupì la stessa azienda californiana per il clamoroso successo ottenuto. Diciamolo subito, non è certo che sarà proprio iPhone SE 2 il […]